Intelligenza artificiale e ragionamento probatorio nel processo penale

Autori

  • Luca Pressacco

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2488

Parole chiave:

Intelligenza artificiale, motivazione dei provvedimenti giurisdizionali, ragionamento probatorio, libero convincimento del giudice, standard di prova

Abstract

L’obiettivo del presente contributo è analizzare il rapporto tra intelligenza artificiale e ragionamento probatorio nel processo penale. In primo luogo, si osserva l’incidenza delle tecnologie di intelligenza artificiale sulle categorie dogmatiche utilizzate per descrivere il fenomeno probatorio, fornendo alcuni esempi. Successivamente, si analizza la disciplina che regola l’emissione di decisioni automatizzate nel processo penale. Infine, dopo aver vagliato le funzioni degli strumenti di intelligenza artificiale nei diversi contesti epistemologici in cui si articola il procedimento giudiziario (contesto di ricerca, decisione e giustificazione), si passano in rassegna alcuni modelli di collaborazione uomo - macchina per la formulazione del giudizio di fatto.

##submission.downloads##

Pubblicato

2022-12-23

Come citare

1.
Pressacco L. Intelligenza artificiale e ragionamento probatorio nel processo penale. BioLaw [Internet]. 23 dicembre 2022 [citato 28 febbraio 2024];(4):503-30. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2488

Fascicolo

Sezione

Artificial Intelligence e Diritto - Saggi