I nuovi orizzonti delle decisioni di fine vita e della donazione di organi in Italia

Autori

  • Elena Scalcon

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2626

Parole chiave:

Donazione di organi, decisioni di fine vita, donazione controllata a cuore fermo, morte medicalmente assistita, donazione di organi post eutanasia

Abstract

L’obiettivo del presente lavoro è di offrire alcune considerazioni su un nuovo campo di indagine del biodiritto, emerso dalla combinazione di due temi classici e tradizionalmente separati: le decisioni di fine vita e la donazione degli organi a scopo di trapianto. L’idea di esplorare le opportunità derivanti dall’accostamento di queste materie finora distinte ha cominciato a guadagnare terreno anche nel nostro ordinamento, come dimostra chiaramente l’intervento del Comitato Nazionale per la Bioetica sulla donazione controllata a cuore fermo. L’evoluzione del dibattito sul fine vita in Italia (Corte cost., sent. 242/2019) porta, poi, a porsi i primi interrogativi su un tema strettamente collegato, quello della donazione degli organi a seguito dell’eutanasia o del suicidio assistito, soprattutto alla luce delle esperienze maturate da altri Paesi dove questa pratica è già consolidata e diffusa.

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-04-26

Come citare

1.
Scalcon E. I nuovi orizzonti delle decisioni di fine vita e della donazione di organi in Italia. BioLaw [Internet]. 26 aprile 2023 [citato 18 maggio 2024];(1):143-61. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2626

Fascicolo

Sezione

Call for papers