Una rinnovata attenzione per il sistema delle REMS: dall’ordinanza istruttoria n. 131 del 2021 alla sentenza n. 22 del 2022 della Corte costituzionale

Autori

  • Valentina Piscopo

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2643

Parole chiave:

Misure di sicurezza, ordinanza istruttoria della Corte costituzionale, incostituzionalità rilevata ma non dichiarata, liste d’attesa

Abstract

Il contributo parte dalla disamina di due recenti pronunce della Corte costituzionale concernenti il sistema delle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (ordinanza n. 131/2021 e sentenza n. 22/2022). All’esito dell’istruttoria e dell’incostituzionalità, rilevata ma non dichiarata, emerge che il percorso di evoluzione del sistema delle misure di sicurezza detentive, il quale è passato dal ricovero presso gli ospedali psichiatrici giudiziari alla collocazione presso delle strutture a gestione esclusivamente sanitaria, è ancora in divenire. Sono, infatti, necessari interventi volti a superare le principali criticità di tale sistema (tra cui le liste d’attesa), i quali, per poter essere efficaci, richiedono un serio impegno politico e finanziario.

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-04-26

Come citare

1.
Piscopo V. Una rinnovata attenzione per il sistema delle REMS: dall’ordinanza istruttoria n. 131 del 2021 alla sentenza n. 22 del 2022 della Corte costituzionale. BioLaw [Internet]. 26 aprile 2023 [citato 18 maggio 2024];(1):437-56. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2643

Fascicolo

Sezione

Note a sentenza