Tre sentenze per mettere fine alla discussione sulla legittimità del vaccino contro il Covid. Le sentenze 14, 15, 16 del 2023 e la problematica prassi dell’anticipo del contenuto delle pronunce nei comunicati stampa della Corte

Autori

  • Elia Aureli

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2760

Parole chiave:

Corte Costituzionale, Giustizia costituzionale, Vaccinazione, Covid-19, Comunicato stampa

Abstract

 Le sentenze 14, 15 e 16 del 2023 della Corte costituzionale hanno riunito una lunga serie di ricorsi, presentati dai tribunali ordinari e amministrativi, relativi agli interventi legislativi volti ad imporre l’obbligo vaccinale contro il Covid-19 ad alcune categorie di lavoratori. L’articolo prende congiuntamente in esame le tre pronunce, evidenziando come la Corte abbia preso una netta posizione contro le posizioni antiscientifiche in merito alla sicurezza e all’efficacia della vaccinazione e non abbia riscontrato profili di illegittimità con riferimento alle conseguenze giuslavoristiche nei confronti dei lavoratori non vaccinati. Da ultimo, si segnalano note critiche relative all’ampio periodo di tempo intercorso tra la diramazione del comunicato stampa e l’effettiva pubblicazione delle sentenze.

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-10-05

Come citare

1.
Aureli E. Tre sentenze per mettere fine alla discussione sulla legittimità del vaccino contro il Covid. Le sentenze 14, 15, 16 del 2023 e la problematica prassi dell’anticipo del contenuto delle pronunce nei comunicati stampa della Corte. BioLaw [Internet]. 5 ottobre 2023 [citato 13 aprile 2024];(3):207-31. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2760

Fascicolo

Sezione

Saggi