«E quindi uscimmo a riveder le stelle»: l’inquinamento luminoso come tavolo di prova del “nuovo” art. 9 Cost.

Autori

  • Simone Scagliarini

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2995

Parole chiave:

Inquinamento luminoso, illuminazione notturna, competenze regionali, ecosistema, ambiente

Abstract

L’eccesso di illuminazione artificiale, secondo molteplici studi scientifici, agisce negativamente sulla vita di animali e piante, oltre ad essere pericoloso per la salute umana. Ciò nonostante, questa forma di inquinamento in Italia è stata oggetto di attenzione solo dei legislatori regionali, mentre manca una normativa statale, che sarebbe necessaria per uniformare gli standard di protezione e dare più effettiva attuazione al nuovo testo dell’art. 9 Cost. Questa disciplina dovrebbe bilanciare la protezione dell’ambiente sia con altre esigenze, come la sicurezza, sia con le ulteriori istanze ecologiche, ovvero gli ecosistemi e la biodiversità, che hanno trovato un pari riconoscimento costituzionale.

##submission.downloads##

Pubblicato

2024-03-27

Come citare

1.
Scagliarini S. «E quindi uscimmo a riveder le stelle»: l’inquinamento luminoso come tavolo di prova del “nuovo” art. 9 Cost. BioLaw [Internet]. 27 marzo 2024 [citato 24 aprile 2024];(1):217-29. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2995

Fascicolo

Sezione

Saggi