Sulla possibilità di tutelare l’aborto attraverso il diritto dell’Unione europea: riflessioni a partire dal caso polacco

Autori

  • Stefania Flore

DOI:

https://doi.org/10.15168/2284-4503-2576

Parole chiave:

Aborto, diritto europeo, articolo 7 TUE, diritti umani, aborto in Europa

Abstract

Il saggio analizza se e come l’Unione europea possa tutelare il diritto all’aborto. Partendo dal caso polacco, verifica come le istituzioni europee siano intervenute. Considerato che l’aborto non rientra nelle competenze dell’Unione, ogni garanzia passa attraverso la tutela dei diritti umani come valori fondanti l’UE. L’autrice si domanda pertanto se ed entro quali limiti l’aborto possa qualificarsi come diritto umano nel diritto internazionale. Segue una riflessione volta ad individuare i mezzi che il diritto europeo offre per tutelare l’interruzione di gravidanza e a verificare se l’introduzione dell’art. 7 bis nella CDFUE potrebbe garantire l’aborto sicuro e legale negli Stati membri.

##submission.downloads##

Pubblicato

2023-03-18

Come citare

1.
Flore S. Sulla possibilità di tutelare l’aborto attraverso il diritto dell’Unione europea: riflessioni a partire dal caso polacco. BioLaw [Internet]. 18 marzo 2023 [citato 23 giugno 2024];(1S):387-402. Available at: https://teseo.unitn.it/biolaw/article/view/2576

Fascicolo

Sezione

Dobbs in transnational perspective: tendenze restrittive e aperture riformatrici